Educare a mangiare sano: 5 regole per i bambini

Educare a mangiare sano.

Educare a mangiare sano oggi è possibile?

Durante la crescita i bambini hanno bisogno di tutti i nutrienti per il loro organismo. L’apporto nutrizionale dei cibi dipende dalla dieta alimentare seguita da essi. Consumare tutti i giorni frutta e verdura, mangiare la carne il pesce e le uova, i legumi e la pasta sarebbe l’ideale per l’età evolutiva. Eppure sono pochi i bambini che consumano cibi sani con varietà e troppi quelli che consumano cibi ipercalorici e dannosi per l’organismo .

L’istinto di nutrizione

I bambini imparano a nutrirsi appena nati ciucciando il latte dal seno materno o dal biberon. Nutrirsi è un bisogno primario, di vitale importanza per cui il neonato grazie al suo istinto soddisfa questo bisogno senza che nessuno gli spighi come si fa. A pochi mesi di vita si inizia lo svezzamento: si introducono gradualmente nella dieta del cucciolo tutti i cibi necessari per il fabbisogno energetico. Ovviamente a seconda del gusto personale, c’è chi preferisce la carne, chi il pesce, chi la pasta o la verdura, chi invece fa i capricci e si rifiuta di mangiare preferendo merendine e cibi per nulla salutari.

L’alimentazione è cambiata con l’evoluzione sociale

Qualche decennio fa ci si nutriva con ciò che la famiglia poteva permettersi: si trattava di cibi coltivati nell’orto di casa, di pollame, di pasta fatta dalle massaie. La donna madre aveva un ruolo importantissimo: le sue energie erano concentrate nell’accudimento dei figli e nell’economia domestica. Oggi le cose sono cambiate di gran lunga. Le mamme spesso lavorano e non hanno il tempo di accudire i figli come una volta: il suo ruolo si è emancipato e ahimé le politiche sociali non le permettono di crescere i figli come si faceva un tempo. Le sue energie sono divise tra il lavoro, la casa e i figli e il tempo è sempre poco.La soluzione più immediata allora è quella della merendina preconfezionata, dei cibi precotti e pronti in 5 minuti. Risultato: i bambini mangiano male.

 

Leggi anche: Bambini, se cucinano con i genitori, mangiano meglio

 

5 regole per un’alimentazione corretta

Come può allora un genitore educare i propri figli a mangiare sano, senza correre il rischio costante di adottare una dieta povera di nutrienti e ricca di sostanze poco salutari?

Ecco 5 regole fondamentali da seguire:

1. Variare i cibi tutti i giorni. Chi lavora non sempre ha il tempo di preparare piatti semplici e genuini e spesso cucina cibi precotti per far prima. L’ideale sarebbe cucinare prima del pranzo o della cena, ma se ciò non è possibile, si può sempre cucinare la sera prima o la mattina prima di andare a lavoro. Magari se anche il papà si mettesse ai fornelli la preparazione dei cibi sarebbe un momento di condivisione per la coppia.

2. Non saltare i pasti. Colazione, Pranzo e Cena e due spuntini sono l’ideale per mantenere attivo il metabolismo ed abituare i bambini a una dieta equilibrata. Prendetevi il tempo necessario per ogni pasto. La colazione ad esempio è un pasto importante della giornata e se saltato comporta squilibri metabolici e carenza di energie. Importante inoltre è evitare di mangiare fuori pasto.

3. Usa i colori. Le verdure si sa non piacciono a tanti bambini, ma noto spesso che se i piatti sono pieni di colori accesi, i bambini fanno meno capricci. Con le verdure si possono comporre anche immagini e disegni che attirano la curiosità dei nostri piccoli.

4. Evita cibi spazzatura. Merendine, frittura, cibi pronti, dolciumi, sono cibi non necessari per il nostro organismo e spesso dannosi. La merenda ad esempio può essere proposta con frutta, frullati, yougurt, ciambelle fatte in casa. Ovviamente mangiare le patatine fritte ogni tanto non fa niente. L’importante è non permettere che l’organismo si abitui a cibi dannosi. Preferire dunque cotture salutari (al forno, al vapore) al fritto.

5. Fai la spesa e Cucina con tuo figlio. Fai la spesa e cucina insieme al tuo bambino: gli permetterà di sperimentare e di utilizzare tutti i sensi per conoscere i cibi e la loro bellezza. Conoscere ciò che si mangia è importante per i bambini che vivranno questa esperienza sotto forma di gioco. I loro gusti saranno condizionati in modo positivo.

Seguimi su

Facebook: Gioco Imparo Cresco

Twitter: Educatrice Sonia

Scrivimi su info@giocoimparocresco.it

 

 
  • gennaio 14, 2015
  • Blog

Leave a Reply

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>