Storia…risikando

Studiare la STORIA non è sempre facile e soprattutto non piace a TUTTI. Io ricordo che facevo molta fatica a ricordare le date, il susseguirsi degli avvenimenti e le relazioni di causa-effetto. Oggi invece aiuto molti ragazzi a studiarla e spesso utilizzo schemi riepilogativi o linee del tempo per rendere chiari i concetti.
Tempo fa, durante il doposcuola, una ragazza di prima media mi disse: “La storia mi ANNOIA ma d’altronde NON è DIFFICILE studiarla, i fatti sono sempre gli stessi cambiano solo i personaggi!”. L’osservazione di questa cara studentessa mi ha fatto riflettere su come spesso viene percepita la storia dai ragazzi (una NOIA!) e su come si possa RENDERE INTERESSANTE la “lezione” di storia. Che la storia è maestra di vita lo sappiamo tutti, ma lo scopriamo nella maggior parte dei casi dopo l’età scolare. Allora come rendere una “noiosa lezione” di storia, accattivante e piacevole per gli studenti? La chiave sono i personaggi!! Alla base delle vicende storiche ci sono avvenimenti che si ripetono nel tempo, ma personaggi cause e concause diversi. Allora perché non creare un TEATRINO DELLA STORIA con i vari personaggi che si scontrano, firmano trattati di pace, si alleano e si dichiarano guerra? Si potrebbe utilizzare il RISIKO che contiene la mappa del mondo, i carrarmatini e le bandierine di diversi colori (su cui poter apporre degli adesivi con scritte le date di riferimento e i personaggi in questione); sarebbe un modo divertente per imparare gli eventi storici.

 

Articoli Interessanti

Uso dell’accento: errore creativo Uso dell'accento. Molti bambini hanno dubbi sul suo uso. Lo metto o non lo metto? Gli errori ortografici e grammaticali sono frequenti tra i banchi di...
FAMMI CRESCERE I DENTI DAVANTI Al povero bambino è caduto un dentino Si è aperta una finestrella Tra i denti è la più bella Ma guarda un po' più in là Un altro dentino si muove...
Alfabeto illustrato da stampare: 5 idee per giocar... L'alfabeto illustrato da stampare è un ottimo strumento per associare le lettere alle parole. E' possibile usarlo con i bambini della scuola dell'i...